Andrea Berton: non il solito brodo

Andrea Berton, friulano di nascita e milanese d’adozione, allievo di Marchesi, vanta un illustre passato nelle più importanti cucine d’Europa. Il Mossiman’s a Londra, l’Enoteca Pinchiorri a Firenze, il Louis XV a Montecarlo, sotto la guida di Alain Ducasse e la Taverna di Colloredo ad Udine. Approda al Trussardi alla Scala ed ottiene le due stelle Michelin un anno dietro l’altro (2008 e 2009): impresa riuscita solo al suo Maestro anni prima. Nel 2012 Chef Berton lascia la cucina del Trussardi alla Scala ed inizia due nuovi progetti di ristorazione: nel 2012 assieme ad un gruppo di soci apre il Pisacco Ristorante e nel 2013 il Dry Cocktail & Pizza, sempre a Milano. Nel 2013 apre a Milano il ristorante che porta il suo nome, nel nuovo e moderno quartiere Le Varesine, in Porta Nuova. La prima stella Michelin arriva addirittura dopo neanche un anno dall’apertura. Nel 2015 viene nominato Ambasciatore Expo e nel 2016 ottiene 18 punti su 20 dalla Guida Espresso e le Tre Forchette della guida Gambero Rosso, i Tre Cappelli della Guida ai Ristoranti d’Italia e vince il premio Scotti, “risotto dell’anno”.
Nel settembre 2016 apre un suo ristorante sul lago di Como, Berton al Lago, all’interno di un bellissimo resort e nel 2017 il nuovo DRY a Milano. Recente è la notizia che lo Chef é alla guida del ristorante H2O alle Maldive, primo ristorante subacqueo all’interno del resort You & Me by Cocoon nell’atollo di Raa. “Sono molto soddisfatto – commenta Berton – non solo per l’altissimo livello di qualità che il resort offre, da quello gastronomico a quello esperienziale, ma anche per la natura unica del Ristorante, uno dei pochissimi ristoranti subacqueo al mondo, l’unico nell’atollo di Raa”. Il ristorante offre ai commensali una vista a 360 gradi della magnifica vita marina delle Maldive.
Andrea è un pioniere delle nuove tendenze della ristorazione e re indiscusso del brodo che propone come piatto singolo oltre che in abbinamento ad altre pietanze (“Non é il solito brodo” é il titolo di un suo libro di Mondadori Electa editore). Lo Chef propone oggi piatti innovativi, essenziali in un ambiente contemporaneo ed accogliente. La sua cucina è caratterizzata dall’esaltazione dei sapori delle materie prime e da accostamenti inediti.
Il ristorante offre la scelta tra menù degustazione ed una scelta dei piatti à la carte. Immancabile il suo risotto con carpaccio di gamberi rossi e bisque di gamberi. Il suo signature dish: brodo di cicale di mare, ravioli aglio, olio e peperoncino. Tra i secondi troviamo il brodo di lepre e grappa spray Nonino, lepre, cavoletto di Bruxelles e ribes oppure anguilla con rafano, zucca e mandarino. Carta dei vini profonda che vanta la presenza delle migliori maisons italiane e straniere.
ll servizio in sala è molto professionale, attento e preciso. Possibilità di un kitchen table per due persone, ricavato in una nicchia della cucina, dal quale assistere alla creazione dei piatti da parte della brigata degustando un menù libero proposto dallo Chef. Tappa obbligatoria per tutti gli amanti del Fine Dining che vogliono vivere un’experience a 360 gradi tra gusto, eleganza, armonia e conivolgimento gustativo.

  • Menù

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...